mercoledì 2 maggio 2012

Pippo e la Vale.

Proseguo con l'esclusione delle mail, e degli impegni rimasti indietro. Come dite? Importasega? Bhe, avete ragione. In realtà vi dico che importasega pure a me.

Però tra le nuove mail ricevute ci sono le prime prove di impaginazione di Leo da Pippo (che poi prime non sono, ma anche questo è un prodotto che ha avuto lunghi ripensamenti, eheh), sia per l'impagionazione verticale che quella orizzontale. Li pubblico di seguito perchè vorrei avere anche la vostra opinione:


Personalmente sarei per escludere la versione verticale, almeno messa in questa maniera, perchè mi sembra veramente sacrificante sia le vignette che i testi. Sembrerebbe quindi quasi obbligata una scelta per la versione orizzontale. Molto più cara, ma probabilmente comunque fattibile, con i dovuti accorgimenti. Il problema è che l'albo dovrebbe avere anche delle tavole verticali, che a questo punto dovrebbero essere rimontate; e non sono affatto sicuro che per alcune di esse sia possibile, cosa che si tradurrebbe con l'esclusione delle tavole verticali dell'albo (per trovare, che so, un'altro tipo di collocazione, magari).

Tra l'altro, mi sento di dire che anche nel formato orizzontale si potrebbe sfruttare molto più lo spazio laterale.

Oppure bisognerebbe studiare qualche altra soluzione per il formato verticale. L'esclusione delle strisce a quatro vignette potrebbe essere una soluzione, ad esempio. Ma sempre di escludere qualcosa si tratterebbe. Oppure, ancora, si potrebbe pensare di rimontarle. Soluzioni del genere ricordo che vennero tentate quando si trattò di pubblicare le strisce delle Strumptruppen nel formato pocket, che di fatto presentava gli stessi problemi. Non lo so, sono veramente dubbioso...

Voi cosa ne dite?

Io intanto vi dico che se continuo a lavorare ancora un po' con il desktop in queste condizioni presto pubbicherò file a caso, eheh! Riordinare è ormai indispensabile, via.


Già che ci sono, comunque, dato che nel frattempo mi vedo costretto a riordinare il desktop (se continuo a lavorare ancora un po' con il desktop in queste condizioni presto pubbicherò file a caso), e che ho trovato questo suo file, ne approfitto per pubblicare qualcosa della bravissima Valentina. Non pubblico mai nulla di suo qua (ma ancora per poco, mi sa) e mi sembra giusto segnalare che c'è anche lei:




Credo non sappia nemmeno che l'ho scansionata, chissà come la prenderà! Belli, vero? Purtroppo sono solo uno schizzo, quanto vorrei vedere qua delle sue belle tavole finite.

Valentina è al lavoro con la Steam Press da un bel po' di tempo. Ha al suo attivo almeno tre storie pubblicate, una in lavorazione e almeno tre serie in fase di studio. Una delle quali vedrà presto, probabilmente, la luce. Dobbiamo solo ancora decidere in che modo.

Le altre due serie hanno trovato qualche problemino in fase di realizzazione. Nulla di veramente grave, ma che ha causato il ralletamento, e talvolta l'arresto, della realizzazione. Un vero peccato, perchè le prime tavole realizzate (che non sono poi nemmeno tanto poche, per la verità) sono veramente belle.

Un giorno mi metterò a raccontare qualcosa di più preciso su di lei, perchè se lo merita. Il tempo di radunare un po' di materiale e...si, anche le idee sul come presentarle. Onestamente, spero di poter presentare la ragazza assieme alla presentazione di una delle sue prossime serie. Non ho mai smesso di credere in lei, nessuno del nostro gruppo l'ha mai fatto, e siamo certi che presto vedremo qualcosa di straordinario.

Intanto mi aspetto la sfuriata per la pubblicazione del suo schizzo a tradimento! :D

Oggi comunque è martedì, ed è giorno di materiale di costruzione della storia. Mi viene in mente per altro che devo anche aggiungere tutte le spiegazioni alle tavole caricate la settimana scorsa (che mi sono bellamente dimenticato di dare).

Innanzitutto, della tavola che ho caricato la settimana scorsa, purtroppo, non possiedo la scansione della matita (ma che brutto vizio che ho, di non scansionare ogni singolo passaggio!!). Però ho una scansione di china fenomenale, molto intensa. Mi piace soprattutto perchè si può notare che non faccio nessuna costruzione promordiale del cielo, decidendo di trattarlo direttamente con il colore. Inoltre qui è possibile notare che scrivo i testi direttamente sulla tavola, senza far uso di nessuna sceneggiatura. E, per chi non l'avesse ancora capito, che la tavola su cui curo la bozza, la matita, la china, e infine il colore, è sempre la stessa, non faccio passaggi intermendi di sorta (ecco perchè a volte non ho la matita, o magai anche la china, da mostrare). Nella versione sucessiva, la prima scansione colore, si può notare, approfittando del basso contrasto restituito dallo scanner, lo strano metodo con cui faccio le campiture: a triangoli. Qui comunque è apparso il cielo. Una cosa che mi dimentico sempre di fare-spero di averne fatta qualcuna, nel tutto- è la scansione intermedia tra china e colore. In mezzoa questi due passaggi, infatti, realizzo un passaggio intermedio per le ombre acquerellando la china solida, passaggio che mi permette di dare una forza molto intensa alla tavola.

E vabbè. Per il momento l'avete visto solo una volta, prima o poi la rivedrete. Spero.

Nei passaggi successivi si possono vedere il primo contrasto, la sfumatura dei colori, e l'applicazione del bagliore diffuso, filtro che quando lavoro con il colore non mi dispiace mai. Ah, per questa volta ho voluto mettere in coda anche la versione finita della tavola, anche se compare già anche nella versione finita del volume, ho pensato che metterla in coda qua avrebbe potuto risultare più comodo.

Nella tavola di oggi, invece, c'è la famosa tavola della presentatrice (ma le avete lette le notizie che scorrono in sovraimpressione?) e i cinque tizi che guardano la tv. Anche qua, niente matita, ma ben due tavole di chine: quella in cui appaiono i personaggi e quella, singola, in cui appare lo schermo tv. Dopo, le stesse colorate ed a seguire le due contrastate, montare, con colori sfumati e sbagliorati. In effetti di calibrazioni colore nell'ultima miglietta ne ho fatte eramente tante, per ottenere l'effetto che mi piaceva.

Nella tavola successiva, l'unica cosa che ho fatto stato ripostare la pipetta del baloon della presentatrice sopra il tv. Infine, nell'ultima, già montata anche con i testi, si possono vedere gli ultimi ritocchi: il contorno della tv montato a vettore, il logo della (poi ve ne renderete conto) onnipresente O.I.N.K. corporation, ed il fondo dello studio televisivo con loghi e marchi e scritte in sovraimpressione (tutto a vettore). Nota importante, qua i baloon della presentarice sono anch'essi a vettore. E' una cosa che faccio abitualmente, nei miei fumeti, ma questa storia l'avevo iniziata un po' più "libera", diciamo. In effetti andando avanti torno sempre di più a usarli...ma non sempre, comunque. Dipende dalla scena, diciamo.

Questo è soffioleggero, si parla di fumetti, relax, riflessioni sulla vita e sul mondo. Festa, dice. Dei lavoratori, aggiunge. Non vi sembra un po' una presa per il culo?

Passo e chiudo!





2 commenti:

  1. Naaa che sfuriata...al massimo ti appendo per i pollici dal terrazzo ;P...maledetto, credevo non la scansionassi...vatti a fidare...Ci vediamo lunedì >:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che il mio terrazzino è basso! :D

      Elimina